Aplastante triunfo antinuclear en Italia

Grazie Argentina!

RED NACIONAL DE ACCION ECOLOGISTA de la Argentina

13 de junio 2011

APLASTANTE TRIUNFO ANTINUCLEAR EN ITALIA

Los cuatro referendums que el gobierno de Berlusconi intentó frenar hasta última hora, alcanzaron y superaron ampliamente el quórum requerido del 50% más 1, con una participación estimada a horas del cierre del comicio superior al 57%

Los italianos le dieron un enérgico “no” al regreso de la energía nuclear, a la privatización del agua y a la inmunidad penal del premier.

Berlusconi había hecho todo lo posible para evitar esta consulta llamando a los italianos a no ir a votar.

www.renace.net

 

Un cartone animato su arcoiris.tv

E se le storie per bambini fossero letture obbligatorie per gli adulti, saremmo davvero capaci di imparare tutto quello che da tanto stiamo cercando di insegnarvi?

Questo è il dubbio che conclude il cartone animato "La flor mas grande del mundo", basato su un racconto originale di José Saramago.

Girolamo De Michele a Modigliana

Copertina del libro di Girolamo De Michele "Con la faccia di cera"Inizia AUTORJTINERA, il ciclo di incontri letterari organizzati dalla biblioteca di Modigliana.

Nel primo incontro, il 7 ottobre 2009 Girolamo De Michele presenta "Con la faccia di cera" edizioni Verdenero (l’ottima collana editoriale di Edizione Ambiente, all’interno del sito verdenero.it ci sono molti contenuti e video interessanti.

Ricordo che De Michele ha sempre pubblicato i suoi romanzi in copyleft e si possono trovare nel redivivo sito de iQuindici.

Il programma completo.

Ken Saro vive

Questo blog ha sempre avuto in home page il link ad una poesia di Ken Saro Wiwa, uno scrittore africano morto diversi anni fa. E’ il mio personale "io so" riguardo i razzismi di ogni genere. Senza nessuna spiegazione su chi è stato Ken Saro risulta quantomeno incompleta come dedica. Per fortuna Simone Ceciliani, un ragazzo impegnato da tempo nelle periferie del mondo, ora in Nigeria, ha scritto recentemente un’ottimo articolo sulla sua storia.

"Se si portano via a un popolo tutte le sue risorse, gli si porta via la sua terra, se gli si avvelena l’aria, se gli si avvelenano i corsi d’acqua, gli si rende impossibile l’agricoltura e la pesca che rappresentano le attività principali della sua sopravvivenza…se tra gli Ogoni sono più i morti dei nati…allora si porta il popolo all’estinzione". Ken Saro Wiwa

25 aprile 2009 a Ca’ di Malanca

SABATO 25 APRILE 2009 A CA’ DI MALANCA MUSICA RESISTENTE CON I 7 GRANI E CON I KHORAKHANE’.

Sabato 25 aprile dopo le Celebrazioni Ufficiali della Festa di Liberazione che si terranno come d’abitudine al mattino nei Comuni di Faenza e del Comprensorio, per il pranzo, aperto a tutti, a partire dalle ore 12 e 30, ci si sposterà tutti su al Museo della Resistenza di Cà di Malanca per celebrare i Partigiani caduti per la Libertà nella Battaglia di Purocielo e di Cà di Malanca del 12,13 e 14 ottobre 1944 che vide cadere 57 partigiani della 36a Brigata Garibaldi Bianconcini.

Alle 12 e 30 ritrovo quindi per tutti a Cà di Malanca, che si raggiunge per la strada che da Faenza porta a Firenze, arrivando a San Martino in Gattara e seguendo per circa 10 chilometri le indicazioni Monte Romano, Croce Daniele e Ca’ di Malanca.

Dopo “Il Pranzo del Partigiano” seguirà un intrattenimento musicale a base di suond giovanile resistente con i gruppi “7 Grani”, vincitori rivelazioni all’estero Mei 2007, in “Neve diventeremo”. Concerto e video ispirati alla storia del Partigiano Albiolo Radovan Ilario Zucconi e alla sua permanenza nel campo di concentramento nazista di Buchenwald-Welmar in Germania e con i “Khorakhane'”, vincitori. Sanremo Lab2007 e Band Italiana al Popkomm 2008, rivelazione Festival di Sanremo 2007 con la canzone “La Ballata di Gino” e Mei 2007 per i canti sociali e di protesta.

Tel. 0546.28561 Anpi Faenza

Balsami poetici in dialetto nostrano

Segnalo un bell’appuntamento tra il culinario ed il poetico all’agriturismo La Siba di Vecchiazzano, Forlì.

Venerdì 9 maggio 2008 ore 20.30

BALSAMI POETICI IN DIALETTO NOSTRANO

LETTURE DI GIOVANNI NADIANI, LAURA TURCI E DANILA ROSETTI

Convinti che la poesia faccia bene alla salute proponiamo una letture di poesia con

tre delle voci più significative del panorama poetico dialettale contemporaneo:

Giovanni Nadiani, Laura Turci e Danila Rosetti introduce Davide Argnani.

Cena con prodotti di stagione euro 20

Nel caso sia tutto prenotato si può optare per visitare le fattorie aperte l’11 e il 18 Maggio 2008. Al link specificato si può accedere alle informazioni dettagliate delle “fattorie aperte” in ogni provincia dell’Emilia Romagna, la mia preferita è nei dintorni di Bologna: la Dulcamara.

Crescere o acrescere, una significativa discriminante per gli indecisi.

Movimento impatto zeroNon sono andato all’incontro a Forlì sulla decrescita ed il consumo critico ma per fortuna c’è chi mi fa un ottimo resoconto della serata. Mancava anche Latouche comunque, tra l’altro è appena uscito l’ultimo suo libro Breve trattato sulla decrescita serena.

Il sindacato del mate

soy Uruguayo …..gracias por reconoser todas las cosas buenas como argentinas ..nosotros las mierdas uruguayas no tenemos nada que ver con el mate el dulce de leche el tango la contrapuntiada .. basta no digo nada mas .. chau chau hermanos de la otra parte del charco..

Quello sopra è un commento di Alvaro, un amigo Uruguaiano, relativo ad un mio post sul mate troppo filo-argentino. Da notare che "charco" in castigliano significa stagno, pozza, chi ha la capacità di *immaginare* un oceano in questo modo non può che avere la mia stima! In seguito al commento di Alvaro ho scoperto, googlando con yerba mate e uruguay come parole chiave, il seguente sito:

El sindicato del mate è un’ottimo esempio di fan culture, intelligenza collettiva che usa la tecnologia come Photoshop e spero anche come l’equivalente open source Gimp per celebrare l’erba mate, i "sindacalisti" utilizzano tutti i miti disponibili per affermare con orgoglio il proprio incondizionato amore per la yerba: la statua della libertà, i Beatles, Marx e la febbre del sabato sera, il football, la politica ed il cinema, emozionante questa animazione in flash della bellissima "Redemption song" di Bob Marley, gli viene sostituito il simbolico joint con matero e bombilla.

El Sindicato Único del Mate es una organización sindical de cebadores y tomadores de mate profesionales vinculados al diseño gráfico. Fue fundado el 10 de junio del 2005 en Montevideo, Uruguay.

L’erba mate è anche una splendida dipendenza, potrebbe sostituire dipendenze ben peggiori. Cosa potrebbe succedere se venissero poste improbabili limitazioni nell’uso della pianta del mate? O se venisse  brevettata l’Ilex paraguaiensis? Meno improbabile la seconda ipotesi: “No Patents on Seeds” nasce come una petizione mondiale indirizzata all’Ufficio europeo dei brevetti (EPO) dove è stata recentemente discussa la richiesta di brevettare una varietà di broccolo, registrandone i sementi e le parti commestibili, oltre all’intera pianta!

In questo caso l’azione e la critica grassroots sarebbe puntuale. L’intelligenza collettiva (compreso il sindacato del mate e questo blog) che si occupa di questo minuscolo interesse, raccoglierebbe dati su dati, creando uno spoiling preciso delle motivazioni mainstream, degli interessi corporate più o meno nascosti per affermare le proprie ragioni. Ho da poco finito di leggere "Cultura convergente" di Henry Jenkins.

Luca Mercalli for President

Venerdì scorso il climatologo Luca Mercalli è stato ospite a Misano della rassegna "Sfide i dilemmi del presente". Ha presentato una relazione piuttosto inequivocabile sui problemi legati ai cambiamenti climatici, oltretutto illustrata poco tempo prima al Senato. Chi non c’era può, tramite google video, farsi un’idea con questa precedente relazione al Parlamento Europeo, da considerarsi una versione adattata al contesto Europeo della stessa presentazione misanese. L’incontro è stato molto interessante, ha cercato di sfatare alcuni scetticismi (la Groenlandia non è mai stato una zona verde a dispetto del nome). Anche le numerose domande successive la relazione hanno ravvivato il resto della serata; se non ci fermava Cecchini, l’ottimo organizzatore e bibliotecario, si passava la mezzanotte a parlare di decrescita e futuro sostenibile. Io, a fine serata, salutandolo mi sono limitato a suggerirgli di usare GNU/Linux per le prossime presentazioni, potrebbe ottimizzare i consumi del suo impianto fotovoltaico casalingo.

Luca Mercalli ha al suo attivo anche un film presentato al festival del cinema di Roma: "Le pere di Adamo" regia di Guido Chiesa (i link si riferiscono alle rispettive interviste tratte da hollywood party su radio tre). Il film cerca di trovare un possibile parallelo o un’analogia tra i movimenti delle nuvole e i movimenti sociali, secondo un’ottica non solo poetica ma pure scientifica! E’ da vedere.